• Un web-bar dello sport per veri amanti del mondo sportivo, dove fairplay,
    lealtà e voglia di vincere la fanno da padroni
    A cura di Fabio Vitucci
  • 23.3.13
    L’allenatore del Triplete torna a Milano? E’ quello che sognano tutti i tifosi nerazzuri...

    Si erano lasciati così l’Inter e Josè Mourinho: dopo aver appena trionfato in Champions League a Madrid, ben 40 anni dopo l’ultimo trionfo nerazzurro, l’abbraccio in lacrime tra Materazzi e l’allenatore portoghese sanciva la separazione dopo due anni di trionfi. E Mourinho quella stessa notte firmò per il Real Madrid, la più grande squadra europea della storia, dove avrebbe inseguito nuovi titoli e un record: essere il primo allenatore a vincere la Champions League con 3 squadre diverse (dopo Porto e Inter). L’avventura con il Real non è andata come sperava il tecnico di Setubal: nonostante la vittoria in campionato dello scorso anno, il titolo in Champions non è ancora arrivato e il quotidiano confronto con il Barça delle meraviglie, la più grande squadra della storia del calcio, ha usurato il rapporto tra Mourinho e tutto l’ambiente delle merengues, un ambiente che ha sempre mal sopportato il lato oscuro di Josè, la sua presunzione, il suo scarso rispetto per gli avversari, e negli ultimi mesi qualche frizione con le colonne dello spogliatoio spagnolo (fra tutti, Casillas e Sergio Ramos) hanno di fatto reso certa la separazione a fine anno (a prescindere da quello che accadrà in Champions League).

    E allora dove andrà Mourinho? Si parla di Paris Saint Germain, con gli sceicchi pronti a fargli ponti d’oro, del Manchester United per raccogliere l’eredità di Ferguson (ma sir Alex non sembra voler mollare)… ma le dichiarazioni di oggi aprono nuovi scenari: Mourinho ha dichiarato che “potrebbe essere anche un posto già visto”. E allora, scartando il Porto per ovvi motivi economici, rimangono in lizza il Chelsea, con Benitez che a fine stagione lascerà, ma soprattutto l’Inter di Moratti, che dopo l’addio del tecnico portoghese non ha più vinto nulla e che sembra in grossa confusione a livello societario e tecnico.

    I tifosi nerazzurri sono pronti a riabbracciare il “loro” allenatore, gli avversari ad ingaggiare con lui nuovi duelli ad alta tensione e i giornalisti a litigare ad ogni conferenza stampa. Da sportivi italiani ci auguriamo che uno dei più grandi allenatori della storia torni in Italia, ma se possibile senza quelle esagerazioni e quelle tensioni tipiche di Mourinho ma di cui non sentiamo assolutamente la necessità.

    Sono presenti 2 commenti

    Anonimo ha detto...

    Meglio non torni a Milano. Sbruffone antipatico e maleducato. Io sono un interista! Anche se non ci crede, meglio le persone umili come tanti allenatori che fanno il loro dovere. Se io fossi l'allenatore dei blugrana per esempio, sarei un grande allenatore. Basta averceli Messi e gli altri!!!!!!!

    Anonimo ha detto...

    ma stai scherzando....ma che interista sei?
    Mourinho e' il migliore e speriamo che torni..!!!!
    Tu non sei interista.
    Sarai un juventino.

    Inserisci un commento



    ___________________________________________________________________________________________
    Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
    Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
    Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa