• Un web-bar dello sport per veri amanti del mondo sportivo, dove fairplay,
    lealtà e voglia di vincere la fanno da padroni
    A cura di Fabio Vitucci
  • 18.11.13
    E’ tempo di bilanci per la prima parte del campionato italiano: chi ha deluso e chi invece ha sorpreso positivamente?

    Son passate 12 giornate di campionato e possiamo già dare i primi giudizi per la Serie A. Giudizi interlocutori, naturalmente, ma dopo 3 mesi di campionato c’è chi ha già fatto capire di che pasta è fatto. A guidare il top-11 ideale c’è sicuramente Garcia, artefice del miracolo-Roma in avvio di campionato. In porta, dopo il ballottaggio con De Sanctis, vince il napoletano Pepe Reina, fedelissimo di Benitez, che ha dato sicurezza alla difesa partenopea e ha la ciliegina del rigore parato a Balotelli (l’unico finora ad esserci mai riuscito). In difesa mettiamo a destra Jonathan, terzino-goleador dell’Inter, che è stato capace di trasformare i fischi di San Siro dello scorso anno in applausi; a sinistra invece mettiamo D’Ambrosio, granata in crescita esponenziale e autore di due gol. I due centrali sono sicuramente Benatia della Roma, capace di inanellare ben 17 vittorie consecutive e leader indiscusso della difesa romanista (la meno imbattuta della Serie A) e Cacciatore del Verona, non proprio specialista del ruolo ma che promuoviamo nella top-11 per i suoi 3 gol e per premiare lo splendido campionato finora del Verona.

    A centrocampo, la coppia centrale è tutta made-in-Italy, con Conti del Cagliari e Parolo del Parma che abbinano qualità, quantità e senso del gol (ben 9 in due); sulle fasce Cerci da una parte e Callejon dall’altra, due frecce piene di talento e rapidità e pronte a penetrare in ogni difesa.

    In attacco invece la coppia titolare è data da Pepito Rossi e Rodrigo Palacio, simboli di Fiorentina e Inter, due piccoletti che stanno guidando le proprie squadre ad uno splendido campionato. Meritano una nota anche il condottiero Totti, l’apache Tevez e il giovanissimo Berardi.

    Ricapitolando quindi: Reina, Jonathan Benatia Cacciatore D'Ambrosio, Cerci Conti Paolo Callejon, Rossi Palacio.

    Snoccioliamo invece il top-11 delle delusioni (anche per lunghi infortuni che li hanno tenuti ai box e scelte tecniche che li hanno penalizzati), che avranno certamente modo di rifarsi nel resto del campionato: Curci, De Sciglio Dias Cannavaro Ziegler, Bjarnason Guarente Bertolacci, Matri Bianchi Balotelli.


    Sono presenti 0 commenti

    Inserisci un commento



    ___________________________________________________________________________________________
    Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
    Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
    Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa